2018 09 17-Banner100

Archivio 2015/16

Stampa

C GOLD: GALVI ALL'ULTIMO RESPIRO!

on .

Il derby contro Lesmo ha un epilogo pazzesco, la quinta vittoria consecutiva della Galvi arriva allo scadere col canestro e trentanovesimo punto (!) di Donadoni che tinge di blu l'ultima, attesissima gara del 2015. Al PalaFarè il risultato finale è: Galvi Lissone - AS Lesmo 81-80.

Da sempre i derby assumono una connotazione a sè, si annullano le (eventuali) differenze ed emergono mille valori e sentimenti che rendono la partita unica nel suo genere. Non è stata una bella gara (ben 7 gli ex in campo: Mazzali, Donadoni e Semplici oltre a DeLuca lato Lissone, Villa, Aliprandi, Maniero e Pirola lato Lesmo) ma non per questo sono mancate le emozioni con un epilogo non consigliato ai deboli di cuore.

E’ stata senz’altro la partita di Alessio Donadoni, 18 anni e 7 mesi che raggiunge il suo personalissimo carrer high grazie ad una prova monstre (9/10 al TL, 9/16 al T2, 4/10 nel T3, 9 rimbalzi, 6 falli subiti, 2 assist, 3 palle perse e 4 recuperate in 40 minuti tutti filati per una valutazione di 49) tanta personalità ed errori al minimo nelle scelte fino con rimbalzo offensivo e canestro decisivo per la vittoria. Bravo Alessio, avanti così!

E’ stata comunque anche la partita di tutti i ragazzi di coach Mazzali che lottano fino all’ultimo secondo in una gara difficile che richiedeva grande personalità e tenuta mentale nel lungo percorso di crescita intrapreso la scorsa estate. E quindi, bravi a tutti i nostri ragazzi!

La partita. Una incredibile a per certi versi stregata partita si risolve a favore dei lissonesi negli ultimi 6”92 centesimi dalla sirena. Maniero ha appena fatto 2/2 dalla lunetta e siamo 79-80, time out di coach Mazzali che disegna la rimessa in attacco a 6”92. Rimessa nelle mani di Medolago ma sia Formentini sia Donadoni sono marcati a vista e i secondi passano inesorabili. La palla arriva così a Squarcina che dal gomito dell’area si gira e trova una conclusione difficile che finisce sul ferro, Donadoni è però scaltro, taglia fuori, conquista il rimbalzo sotto il ferro e si “avvita” per il tiro più importante: 81-80 e il PalaFarè scoppia di entusiasmo con disperata rimessa da fondo campo per gli ospiti a meno di 2” che finisce nel nulla.

Solo l’ultima di tante emozioni per una partita infinitamente equilibrata e ricca di spunti di cronaca, arbitrata (male) dall’incerta coppia arbitrale che ha visto Lesmo conquistare due quarti (il primo e l’ultimo), pareggio nel secondo e +6 dei lissonesi nel terzo, quanto basta per capire l’evolversi.

L’avvio è tutto dei lesmesi con Aliprandi subito sugli scudi con gara subito ruvida ma gli arbitri decidono di far correre. Dei soli 8 falli fischiati in tutto il periodo, tre sono però a carico di capitan Formentini che deve lasciare il campo dopo soli 4 minuti (rientrerà al 26’) e piano partita tutto da rifare per coach Mazzali che butta nella mischia Medolago e nel finale di quarto il solito grintoso Banchelli per un equilibrio di squadra tutto da reinventare. Ne approfitta così Lesmo che trova la continuità realizzativa di Villa (tre triple in fila) con Lissone che cerca di limitare i danni grazie a Collini dal pitturato e, soprattutto, Donadoni subito ispirato per il 17-20 al 10’

Nel secondo quarto Lissone serra la difesa, cambiando strategia sui pick and roll avversari. Il cambio porta subito dei frutti (28-24 al 15’) ma giochiamo male e Lesmo per contro va in scioltezza e ritrova nelle ripartenze e tra le righe delle nostre scelte difensive (tripla solitaria di Radovanovic) fluidità per il contro break che vale il 36-39 alla pausa lunga.

Alla ripresa, i lissonesi sbagliano la prima azione ma hanno la pazienza di recuperare un punto alla volta il massimo vantaggio Lesmo (38-44 con tripla di Villa al 21’) grazie al pareggio di Donadoni e al punto del controsorpasso di Viganò che trova un pesantissimo canestro dalla media distanza subito però “annullato” dalla immediata risposta di Aliprandi (46-46 al 25’) che apre al nuovo break ospite con tripla di Zappa e ancora liberi per Aliprandi (7/9 ai liberi, 6/9 al T2, 1/2 al T3 e 12 rimbalzi) che vale il 48-52 al 27’. Lissone, che continua a faticare e a non trovar alcun vantaggio dalle varie situazioni di mismatch potenzialmente favorevoli (Lesmo giocherà solo 9 minuti con un lungo di ruolo, Radovanovic, con Villa e Aliprandi nel “pacchetto lunghi”) e rinunciando a qualche iniziativa al rimbalzo nella metà campo avversaria (35-44 il computo finale dei rimbalzi per gli ospiti ) per coprire le ripartenze di Lesmo, è costretta a buttare il cuore oltre l’ostacolo, trovando dalle iniziative di Squarcina e Donadoni i punti fondamentali dai liberi per risalire nuovamente la china e contro sorpassare con la “liberatoria” tripla di Viganò (70-67) a fil di sirena.

Lissone gioca ora sul delicato equilibrio di un’inerzia finalmente riconquistata e trova energia dalla crescita della propria difesa che, passata a zona, alimenta di riflesso attacchi più fluidi. I punti in serie di Squarcina e del “solito” Donadoni permettono così di raggiungere il massimo vantaggio 73-67 a 4’ dalla fine. Sembra l’inizio di un epilogo in tranquillità, ma non è così. La verve lissonese viene ridimensionata dalla coppia arbitrale che durante la gara non rileva almeno 2 antisportivi e sanziona in un amen il quinto fallo a Collini e, soprattutto, un fallo inesistente a Formentini (4° fallo) che cattura una palla vagante e “uccide” sul nascere il contropiede locale con tecnico a coach Mazzali per le successive protesta. Lesmo ne approfitta ed apre ad un finale incandescente e carico di tensione (con panchina lissonese e pubblico, record stagionale di presenza, che se la prendono con Radovanovic per interventi oltre al limite) fino al 78-78 firmato da Aliprandi a 1’03” (nel frattempo out Villa per 5 falli) e ultimo punto dal campo di Formentini (1 su 2 dalla lunetta) con Aliprandi che sbaglia il colpo del k.o. a 34” che apre all’incredibile epilogo

Galvi Lissone – AS Dil Lesmo 81-80 (17-20; 36-39; 61-58).

Lissone: Banchelli 4, Medolago 4, Donadoni 39, Collini 4, Viganò 8, Mornati n.e., Formentini 1, Semplici n.e., Mladjenovic 2, Ruzzon 1, Squarcina 18, Corbetta. Coach Mazzali.

Lesmo: Romanato n.e., Pirola 3, Passoni 2, Zappa 13, Siragusa, Viscusi n.e., Villa 16, Aliprandi 22, Maniero 13, Radovanovic 7, Romanato n.e., Galletti 2. Coach Fumagalli.

Arbitri: Gallo e Molteni

Prossimo impegno mercoledì 6 gennaio 2016 a Sesto San Giovanni contro la Posal. Palla a due ore 18,30. Cogliamo l’occasione per augurare a tutti i tifosi della Galvi i migliori auguri di buon Natale e felice anno nuovo.

 
   
GALVI
Messa  zio-pizza  imamobili  logo-globo-express
 
logo FlowBurner Ok